1

canile ago 17 f toce

VERBANIA – 06.09.2017 – Negano ogni addebito,

sono pronti a chiedere la revoca dell’ordinanza e a impugnarla. Gli “Amici degli animali”, l’associazione verbanese raggiunta da un provvedimento per riscontrati abusi edilizi al nuovo “Rifugio del cane” di Fondotoce, replica ai rilievi mossi dal dirigente comunale del settore Urbanistica. “Non ci sono violazioni edilizie – dice il presidente Loredana Brizio –, perché vi sono solo due box, regolarmente comunicati il 28 giugno e gli altri quattro sono solo recinzioni interne. La recinzione esterna è preesistente e risale a inizio 2000”. Nell’ordinanza si parla di una comunicazione del 24 agosto alla quale non è stato risposto. “Mai pervenuta a questa associazione”, replica il presidente che nega vi siano problemi di autorizzazione: “per tenere cinque cani non sono necessarie particolari autorizzazioni e nel caso di specie i cani ospiti erano cinque in quanto due venivano portati a casa dai volontari. La nostra non è una attività, bensì un servizio di volontariato, trattandosi di una Onlus”.

Sull’ordinanza ricevuta “rilevo che non è firmata dai tecnici – afferma Brizio –, i quali non hanno effettuato alcun sopralluogo” gli “Amici degli animali” attendono una .relazione dal tecnico che ha curato la pratica (il geometra Massimiliano Brigatti, peraltro figlio dell’assessore all’Urbanistica e Lavori pubblici Roberto Brigatti, anch’egli geometra) per avanzare “richiesta di revoca in autotutela”. “Ovviamente, ove non si risolvesse il problema, sarò costretta anche ad agire in altra sede”, conclude.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.