1

tribunale esterno 16 3

VERBANIA – 05.02.2019 – La proverbiale goccia

che fece traboccare il vaso fu l’incidente dell’11 gennaio del 2013, un sinistro che aveva coinvolto due auto e che era avvenuto poco distante la sua officina. Un sinistro che per Stefano De Angelis, meccanico cannobiese titolare dell’unica attività di carroattrezzi dell’alto Verbano, incomprensibilmente vide la Polstrada di Verbania contattare per il recupero dei mezzi danneggiati il collega/concorrente di Fondotoce. Interpretando quel gesto come l’ennesima scorrettezza nei suoi confronti, il meccanico chiese un faccia a faccia in questura col dirigente della Polstrada, avvenuto alla presenza di un testimone e in seguito al quale è stato denunciato per diffamazione.

Oggi, a distanza di quasi sei anni, nell’aula del giudice di pace Carlo Crapanzano, davanti al quale si celebra il procedimento penale, quel risentimento è nuovamente affiorato. Ne ha parlato lo stesso De Angelis, che sottoposto a esame s’è sfogato, negando che quel giorno non avesse risposto al telefono – come riferito dalla Stradale - e raccontando di aver trovato supporto nelle sue lamentele dall’allora maresciallo dei carabinieri di Cannobio.

Più volte, nelle due precedenti udienze, le parti hanno fatto riferimento al registro cartaceo delle chiamate tenuto dalla Polstrada, un documento che non è mai stato prodotto nonostante le ripetute lettere e solleciti inviati dall’avvocato di De Angelis, Ferdinando Brocca, anche prima che si arrivasse al processo. Un registro che, alla luce di quanto emerso, risulta indispensabile acquisire prima della conclusione del dibattimento (la prossima udienza sarà il 19 marzo). Intanto il pm Anna Maria Rossi, con il consenso di tutte le parti, sia della difesa, sia del poliziotto destinatario di quelle accuse e che s’è costituito parte civile con l’avvocato Elena Parsi, ha chiesto che venga sentito l’attuale dirigente, l’unica persona che può raccontare le procedure con cui si sceglie un carroattrezzi rispetto all’altro e come avveniva/avviene la distribuzione.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.