1

App Store Play Store Huawei Store

grignaschi massimo azzarini franco
VERBANIA – 29.04.2015 – Ci sono anche due verbanesi tra gli insigniti del titolo di “Maestri del lavoro”. Venerdì 1° maggio (festa dei lavoratori) a Torino ci sarà il consueto appuntamento con la consegna degli attestati  - la Stella al merito del lavoro – che il Presidente della Repubblica attribuisce a coloro che, con più di 50 anni e almeno 25 consecutivi di attività lavorativa si siano distinti per perizia, laboriosità, buona condotta morale, per aver introdotto significative innovazioni o aver trasmesso le proprie conoscenze ad altri.

Nel 2015 tra gli insigniti del Piemonte ci sono anche i verbanesi Franco Azzarini e Massimo Grignaschi. Azzarini, che ha 60 anni e che in città è noto anche per il suo impegno nel calcio (il papà Ferruccio fu giocatore dell’Inter e a lungo allenatore del Verbania), dopo gli studi ha iniziato a lavorare in una grossa azienda distributrice di prodotti petroliferi. Tra il ’78 e il ’79 è rimasto nel settore cambiando ditta e dal 1980 è dipendente delle Poste. Negli ultimi 35 anni ha seguito la trasformazione dell’azienda, anche per l'informatizzazione, passando da operatore a direttore di ufficio fino – dal 1999 – ai vertici della filiale provinciale, per la quale è oggi responsabile della Gestione operativa degli 86 uffici del Vco.

Anche Grignaschi è nato nel 1955. La sua carriera lavorativa è iniziata nel 1977 alla Michelin Italia. Dall’81 all’83 è stato impiegato all’associazione Unione Artigiani di Verbania, poi s’è messo in proprio come venditore e agente di prodotti per l’edilizia. Dall’85 svolge questo compito nel campo dell’agroalimentare. Passato per Dolma e Masterfoods, attualmente è impiegato alla Mars.

Nella foto, da sinistrA: Massimo Grignaschi e Franco Azzarini.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.