1

App Store Play Store Huawei Store

rifiuti bidoni conservco
VERBANIA – 28.09.2015 – Bar, alberghi, ristoranti e pizzerie risparmiano. Fabbriche ambulanti, banche, supermercati e macellerie pagano. Stasera il Consiglio comunale voterà il nuovo piano finanziario della Tari, la Tassa rifiuti, stabilendo quali categorie avranno una bolletta più leggera e quali metteranno mani al portafogli.

Partiamo dal dato generale. Nel 2015 Verbania spenderà 400mila euro in meno (da 6,2 a 5,8 milioni) nella partita rifiuti. Poiché il costo si scarica per intero su tutti gli utenti, il risparmio medio sarà del 7%. C’è poi chi pagherà di più e chi di meno.

Per quanto riguarda le famiglie, cioè le utenze domestiche, la simulazione effettuata dal Comune su un appartamento di 100 mq, fa risparmiare di più i single (-6,89%), con lo sconto che scende con il crescere dei componenti il nucleo familiare: -6,07% per due persone, -5,90% per tre, -5,75% per quattro, -5,48% per cinque, -5,33% per sei. Tradotta in euro, la forbice oscilla tra un risparmio di 10 e di 21 euro.

Più complesso il calcolo per le utenze non domestiche. Divise in 31 categorie, sono 2.581 per una superficie di 705.242 mq. Togliendo la categoria degli “stabilimenti balneari”, che non è presente, le restanti 30 si dividono: per 23 (2.080 aziende) scende la tariffa, per 7 501) sale.

Tra quelle in discesa 6 hanno una percentuale a due cifre, mentre per le altre 17 il calo è del 3,93%. Chi risparmia di più sono: ristoranti, trattorie, pizzerie, pub (118 esercizi, -13,60%), mense, birrerie, hamburgherie (2, -13,54%), bar, caffè, pasticcerie (134, -13,54%), alberghi con ristorante (21, -13,53%), alberghi senza ristorante (33, -13,54%). Lo sconto è significativo per 308 attività, l’11% del totale.

Tra chi dovrà sborsare di più ci sono: autorimesse e magazzini senza vendita diretta (78, +4,86%), banche e istituti di credito (33, +6,93%), gli ambulanti del mercato  non alimentari (217, +10,33%), le fabbriche (134, +10,49%), supermercati, pane e pasta, macellerie, salumi e formaggi, generi alimentari (34, +10,47%), ipermercati (4, +10,48%).

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.