1

App Store Play Store Huawei Store

giro italia vb pres 28 aprile 2015
VERBANIA – 28.04.2015 – Il conto

alla rovescia è iniziato. Mancano 11 giorni al via del Giro d’Italia e 30 – un mese esatto – al passaggio della carovana rosa nel Vco, dove arriverà il 28 (a Verbania) proveniente da Melide e ripartirà il 29 (da Gravellona Toce) per raggiungere Cervinia.

In città fervono i preparativi, sia per la parte logistica, sia per la parte promozionale. Stamane il punto della situazione e la presentazione ufficiale delle tappe s’è tenuta a Villa Giulia, che sarà anche il cuore logistico dell’evento gestito da Rcs (il villaggio commerciale sarà a Intra, in zona imbarcadero).

La presentazione tecnica delle due tappe è stata affidata agli ex corridori Marco Della Vedova e Paolo Longo Borghini, entrambi consulenti per Rcs. Il mergozzese Della Vedova, in attività dal 1994 al 2002 (è stato anche gregario di Pantani) ha illustrato i 170 km della Melide-Verbania, che parte dalla Svizzera, raggiunge il Lago Maggiore dal ponte di Sesto Calende e risale il Verbano fino a Fondotoce, quindi sale per Bieno (dove ci sarà il secondo traguardo volante, perché il primo è a Stresa, mentre il ristoro a Feriolo), scende a Intra e prende in direzione nord fino a Cannero Da Canero in su, passando per Trarego e Colle, ci sarà l’impegnativa ascesa del monte Ologno, Gran premio della montagna (di prima categoria, 10,4 km con pendenza media del 9% e massima del 13%) e punto in cui si prevede ci sarà la selezione tra i corridori. Da lì in poi via in discesa fino al traguardo di Pallanza. Le tabelle di media orarie prevedono l’arrivo tra le 16,56 e le 17,24.

L’indomani il gruppo partirà da corso Sempione a Gravellona alle 10,30, prendendo la via del Cusio a Omegna e lasciando il Vco a Pettenasco. Il percorso prevede un primo Gpm nel Biellese (alla Croce Serra), un secondo a Saint-Barthelemy, un terzo al Col Saint-Pantaleon e un quarto all’arrivo di Cervinia, tutti nella Vallée. I traguardi volanti saranno a Pont-Saint-Martin e Fenis. A spiegare le difficoltà e l’insidie della penultima tappa prima della passerella di Milano è stato l’ornavassese Longo Borghini, che è stato “pro” tra il 2004 e il 2014.

Gli aspetti legati alla sicurezza e alla chiusura delle strade saranno definiti nel dettaglio entro una decina di giorno in un incontro specifico in prefettura con le varie autorità.

L’entusiasmo di Verbania per il Giro è stato raccontato dal presidente del comitato tappa, l’assessore Massimo Forni, mentre per Gravellona Toce sono intervenuti il sindaco Giovanni Morandi e l’assessore Cristina Franchi. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.