1

App Store Play Store Huawei Store

stadio vb 2015
VERBANIA – 16.01.2016 – Si aspettava un esito diverso,

in linea con il primo pronunciamento, ma ora che il Tar s’è espresso respingendo l’istanza di sospensiva degli atti con cui la giunta ha concesso lo stadio “Pedroli” alla VIrtus Verbania, la Victor Intra pensa alla possibilità di ricorrere al Consiglio di Stato. Lo afferma l’avvocato del club presieduto da Michael Immovilli, Marco Marchioni, in una nota nella quale entra nel merito di quanto deciso l’altro ieri dal tribunale. “Nonostante l’Amministrazione comunale, nei vari comunicati inviati agli organi di stampa, dichiari aver avuto “ragione”, non è così – afferma il legale –. Leggendo l’ordinanza si legge, a chiare lettere, che il Tar, preliminarmente, ribadisce ‘che il regolamento comunale prevede la possibilità di affidamento diretto unicamente per il tempo massimo di sei mesi’, con ciò di fatto dando ragione alla Victor Intra quando afferma che le Delibere di Giunta e le conseguenti Determinazioni Dirigenziali, con le quali i campi verbanesi sono stati affidati per un periodo di un anno senza alcun bando pubblico, sono assolutamente illecite”.

I giudici hanno tuttavia osservato che essendo la Victor una squadra di Terza Categoria non avrebbe avuto possibilità di gestire lo stadio. “Senza considerare che tale qualità avrebbe dovuto, e dovrà, essere effettivamente valutata, insieme a tutte le altre, solo a seguito della positiva verifica che le squadre richiedenti siano “cittadine” – afferma Marchioni –. Osservo infatti, ed invito tutti i cittadini a verificarlo in Comune, come la società Virtus Verbania, nei confronti della quale non vi è assolutamente alcun sentimento negativo, avesse ed abbia sede addirittura in provincia di Novara! Forse dovrebbe prevalere la territorialità rispetto alla categoria se solo si tiene conto del fatto che l’affidamento del campo consente non solo l’utilizzo a titolo gratuito dello stesso ma anche di ricevere, per attività di promozione sportiva, un cospicuo contributo da parte del Comune che, ovviamente, usa i soldi di tutti i cittadini. Non sarebbe infatti opportuno e giusto che i campi venissero assegnati a squadre della Città?!”.

Riservandosi di impugnare l’ordinanza, la Victor critica la decisione del Comune di aver versato per intero il contributo di 15.000 euro previsto dalla convenzione (sospesa dal tribunale) per l’Accademia Verbania: “non sarebbe stato più corretto deliberare, al più, il versamento della metà del contributo?! Sicuramente, come ha dichiarato il Sig. Sindaco, “il Comune non ha commistioni” ma qualcosa che non va, anche solo nell’interpretazione della Legge, c’è”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.