1

App Store Play Store Huawei Store

polizia auto fronte cofano

VERBANIA - 03-05-2021 -- Tutto è nato da un controllo anti-Covid nel centro di Intra durante un’ordinaria domenica di pandemia, degenerato in una colluttazione e chiuso con l’intervento di tre pattuglie, sette persone visitate al Dea, due arresti e la preannunciata controdenuncia degli arrestati.

Il fatto è accaduto ieri sera dopo le 21 tra via XXV Aprile e piazza San Vittore. Una pattuglia di poliziotti in borghese, impegnati nei controlli sul rispetto delle norme anti-coronavirus, passa davanti a un bar del centro. All’esterno ci sono fratello e sorella di 37 e 32 anni: Maringlen e Marinela Stojani, d’origine albanesi ma residenti a Verbania.

Gli agenti li sentono vociare e tornano indietro, chiedendo i documenti alla coppia, che ritengono sia in evidente di stato di ebbrezza. I poliziotti si qualificano e volano parole grosse. La concitazione si fa poi scontro fisico. La donna è la più attiva: spintona un assistente, lo minaccia e dal contatto scaturisce una colluttazione durante la quale lei gli sfila la pistola.

La situazione degenera, con l’uomo che irrompe nella mischia in difesa della sorella e che verrà calmato solo più tardi, con fatica, con l’intervento di pattuglie di rinforzo e con una dose di spray al peperoncino. Nel giro di qualche minuto giungono a Intra una pattuglia della Squadra Volanti e una della Stradale. Dalla finestra d'un appartamento sopra al bar, nel frattempo, qualcuno inizia a riprendere la scena, che si conclude con l’arresto dei due albanesi, placati con l’uso della forza che gli stessi dicono essere stata eccessiva e per la quale minacciano denunce.

Tutti, arrestati e aggrediti, vengono visitati al Dea dell’ospedale Castelli. Il bollettino medico, tra i poliziotti, parla di 5 contusi per un totale di 59 giorni di prognosi, che vanno dai 5 di chi ha riportato graffi ed escoriazioni ai 30 dell’assistente con la sospetta frattura del pollice della mano destra e con la distorsione d’una caviglia.

Posti ai domiciliari, i fratelli Stojani oggi sono comparsi in Tribunale per l’udienza di convalida. La Procura ha contestato loro i reati di rapina (per la sottrazione della pistola), resistenza e lesioni aggravate. Il giudice Antonietta Sacco ha convalidato l’arresto per la sola resistenza, respingendo l’ipotesi della rapina della pistola, e aggiornando il processo per direttissima al 20 maggio.

“I miei assistiti, che peraltro sono stati visitati al Dea e giudicati non ubriachi, si riservano la denuncia per la violenza gratuita subita da parte di alcuni poliziotti” - dice l’avvocato Gabriele Pipicelli, che alla prossima udienza produrrà il video che documenta la parte finale dell’intervento delle forze dell’ordine.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.