1

App Store Play Store Huawei Store

vincenzo consoli

TREVISO - 21-02-2021 -- Inizierà il 10 aprile il processo a Vincenzo Consoli, ex ad e direttore generale di Veneto Banca. l’ha deciso ieri il gip di Treviso, accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal pm Massimo De Bortoli. Truffa, aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza sono i capi di imputazione contestati all’ex dominus dell’istituto di credito di Montebelluna, l’unico rimasto degli iniziali indagati. Il procedimento, infatti, è il bis di quello che s’era aperto a Roma (sede di Bankitalia e degli organi di vigilanza) e per il quale il gup s’era dichiarato incompetente territorialmente, trasmettendo gli atti alla Procura di Treviso. Nella marca le indagini sono state chiuse identificando nel solo Consoli il responsabile del crollo del valore delle azioni della banca, che ha “bruciato” miliardi di euro di risparmiatori e correntisti diventati azionisti con una pratica commerciale molto aggressiva. Centinaia di loro sono costituiti parte civile a Treviso, tra cui tanti del Verbano Cusio Ossola, terra della fu Banca popolare di Intra (acquisita da Veneto Banca).

Il dilatarsi dei tempi della giustizia rischia di rendere del tutto inefficace il processo. Si corre, infatti, verso la prescrizione di tutti i reati, che dovrebbe arrivare entro novembre. Cioè, o prima della sentenza di primo grado oppure, dopo, prima dell’eventuale appello, sempre che il giudice riterrà il manager colpevole.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.