1

App Store Play Store Huawei Store

reschigna
VERBANIA – 16.03.2015 – Un passo avanti verso l’autonomia del Vco. Sognata, richiesta e negli ultimi mesi sempre più invocata, la specificità montana della Provincia Azzurra troverà presto un primo riconoscimento regionale. Da oltre dieci anni, con la riforma dello Statuto piemontese varato dalla giunta Ghigo, sta scritto nei fondamenti della Regione, all’art. 8, che i territori montuosi hanno una loro peculiarità. Ora questo valore sarà riconosciuto con una legge regionale il cui disegno, firmato dal vicepresidente Aldo Reschigna, è stato approvato stamane in piazza Castello dalla giunta.

Poiché il Vco è interamente montano e confina con uno stato estero, avrà riconosciute particolari condizioni di autonomia nella gestione delle funzioni e delle risorse, capaci di valorizzarne le peculiarità territoriali, economiche e sociali.

“È un passaggio fondamentale per riconoscere e valorizzare le specificità e le prospettive della nostra Provincia – dichiara Reschigna –. Nelle prossime settimane la Giunta regionale presenterà al Consiglio, assieme al riordino complessivo delle funzioni da mantenere in capo alle Province, un disegno di legge che conterrà anche le funzioni per la autonomia amministrativa del Vco”.

L’iter per l’autonomia dovrebbe essere breve perché la giunta ha chiesto che, anziché votarlo in Consiglio, passi nella Commissione con potere legislativo.

Questo riconoscimento, simile a quello ottenuto dalle altre due “consorelle montane”, Sondrio e Belluno, rispettivamente da Lombardia e Veneto, è un primo passo. La via maestra la sta cercando di tracciare a Roma l’On. Enrico Borghi, che vuole incardinare la specificità montana nella legge costituzionale che abolisce le Province e riforma il Senato. La partita è aperta.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.