1

foyer maggiore

VERBANIA – 14.10.2017 – L’incontro di filosofia 

è stato un caos. Sala strapiena, persone fatte aspettare fuori, allontanate e poi richiamate – ma solo nel foyer –, proteste vibrate dei relatori, telefonate e pressioni. È accaduto ieri sera al teatro “Maggiore” di Verbania, dove l’associazione degli Psicologi del Vco, in collaborazione con la sezione locale della Società filosofica italiana aveva organizzato una conferenza sul tema delle “Molteplici forme d’amore” con un relatore d’eccezione, il professor Umberto Galimberti, sociologo, filosofo e giornalista. L’evento, a ingresso gratuito, ha richiamato centinaia di persone, molte più delle 576 di capienza della sala, raggiunta la quale i vigili del fuoco in servizio hanno detto stop. Per ragioni di sicurezza nessuno è potuto entrare e, così, nel foyer s’è creata una piccola folla di qualche centinaio di persone che chiedeva di poter assistere. Le lamentele hanno raggiunto la sala e il professor Galimberti ha speso in diretta parole critiche verso la burocrazia e l’Amministrazione comunale.

Per un certo lasso di tempo la situazione è stata in stand by. Inizialmente i presenti nel foyer - chi non se n'era andato, deluso e arrabbiato - sarebbero dovuti uscire per ragioni di sicurezza, ma una girandola di telefonate tra sindaco, dipendenti comunali e forze dell’ordine ha portato a una soluzione intermedia: lasciare aperto il foyer per poter dare a tutti la possibilità di ascoltare, anche grazie all’amplificazione. Il convegno s’è tenuto normalmente ma le proteste e le polemiche hanno lasciato il segno. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.