1

banche dati polizia
TORINO – 05.04.2016 – Per la giustizia

è un poliziotto infedele, che ha sfruttato la facoltà d’accesso alle banche dati delle forze dell’ordine per favorire un amico che sospettava d’essere – e in realtà lo era – al centro di un’inchiesta. Luciano Abbategiovanni è colpevole e, al primo grado di giudizio, è stato condannato a una pena di 3 anni e 4 mesi. Accesso abusivo a sistema informatico, violazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento i reati che gli sono stati contestati e per i quali il sostituto procuratore di Torino (Procura competente per questo genere di reato) Antonio Rinaudo aveva chiesto una pena severa di 5 anni e 4 mesi http://www.verbano24.it/index.php/3169-poliziotto-infedele-a-giudizio-il-pm-chiede-5-anni-e-4-mesi-di-condanna.

Nell’esporre le proprie tesi difensive oggi gli avvocati del poliziotto, Christian Ferretti e Cristina Beltramini, hanno chiesto l’assoluzione facendo rilevare comunque che, in caso di condanna, per quei reati andava calcolata la continuazione che avrebbe fatto scendere la pena, già ridotta di un terzo per la scelta di essere giudicato con rito abbreviato, cioè sulla base delle risultanze dell’indagine e senza poter introdurre testi o nuove prove.

Il gup ha accolto questa richiesta e ha sentenziato la colpevolezza del poliziotto, comminandogli 3 anni e 4 mesi. 2 anni e 8 mesi anche per l’imprenditore Cusenza, noto titolare di locali della provincia, il destinatario delle informazioni raccolte da Abbategiovanni e al quale erano contestati il concorso nell’accesso abusivo al sistema informatico e la rivelazione del segreto d’ufficio.

Entro 60 giorni saranno depositate le motivazioni, anche se i difensori di Abbategiovanni preannunciano la volontà di appellarsi alla sentenza di condanna.  Il poliziotto, intanto, resta confinato in casa perché, nonostante la richiesta dei suoi avvocati, il gup ha confermato gli arresti domiciliari per il pericolo di reiterazione del reato.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.