1

immovilli michael
VERBANIA – 20.11.2015 – Era in lizza per diventare onorevole

e, alle Politiche del 2013, in campagna elettorale s’era dato parecchio da fare. Anche troppo, affiggendo una serie di manifesti a Verbania che, al di fuori degli spazi assegnati per sorteggio, gli erano costati sette verbali della prefettura e altrettante multe. Michael Immovilli, due anni fa inserito al posto numero 7 nella lista del Mir – i “Moderati in rivoluzione” di Giampiero Samorì – per il collegio Piemonte 2 (tutta la regione tranne Torino e provincia) aveva presentato ricorso spiegando di aver sbagliato perché aveva affisso di notte e i numeri sui tabelloni erano poco visibili. Oggi ha ricevuto un parziale sconto. Il giudice di pace Silvia Terracciano, nonostante Immovilli non si sia presentato all’udienza civile che lo opponeva alla prefettura del Vco, ha stabilito di considerare la continuazione dell’infrazione – come se si trattasse di un solo manifesto, anziché di sette – comminandogli una sanzione complessiva di 100 euro oltre alle spese di notifica, calcolate in 35 euro. Una cifra tutto sommato abbordabile che certamente il diretto interessato avrebbe preferito fosse stata anche superiore se solo fosse stato eletto deputato. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.