1

acet vb

VERBANIA - 11.02.2019 - Non si placano le proteste

contro il msterplan Acetati e la conversione commerciale dell'ex stabilimento chiico. L’ultima in ordine di tempo è contenuta nell’ordine del giorno presentato di recente dai gruppi di minoranza M5S, Fronte nazionale, Sinistra & Ambiente e CittadiniConVoi, oltre a Michael Immovilli. Se ne discuterà, salvo sorprese, già nel prossimo Consiglio comunale. Nel documento i “contestatori” chiedono sostanzialmente di sospendere la delibera relativa al masterplan Acetati, per poter valutare a fondo stato di bonifica, tempi e costi. “Per l’area in questione serve una valutazione d'insieme che tenga conto di una fascia di almeno un chilometro; servono, altresì, certezze e garanzie sulla fattibilità dell'operazione Acetati e la possibilità di acquisto della stessa”, affermano.

Nel corso di una conferenza stampa per presentare i punti salienti dell’ordine del giorno, è stato sottolineato come già altre volte sia stato chiesto alla giunta di annullare la delibera Acetati. Ma, secondo i cinque gruppi consiliari, la maggioranza non starebbe facendo niente per fermare “atti dannosi e autoritari”. Nel mirino è finito il Pd che sostiene il sindaco Marchionini. “Sembra che il masterplan sia stato programmato solo per consentire l’apertura di un centro commerciale che metterà in ginocchio le attività di Verbania”. E’ stato ricordato, infine, come sia di pochi giorni fa la “forzatura mostruosa che permette ad Acetati di dilazionare di otto anni le imposte comunali”. Altra metaforica benzina sul fuoco di una vicenda che si preannuncia lunga e faticosa e che sta spaccando la città.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.