1

ranzoni piazza vintrasca
VERBANIA – 10.06.2015 – Lo stand gastronomico dei “Pacian”

in piazza Ranzoni è un problemao. La coda della Maratona della Valle Intrasca che per tre giorni, lo scorso weekend, ha animato il salotto intrese, è la netta presa di posizione degli esercenti contro l’insediamento di cucina, bar e tavoli, ma anche del maxischermo per assistere a Juve-Barcellona.

Sul tavolo del sindaco Silvia Marchionini è giunta la petizione che, firmata da 21 su 23 titolari di attività, chiede un cambio di rotta e ripropone la questione già sollevata l’anno scorso.

Il fatto, sintetizzato, è questo: lo stand gastronomico danneggia i locali, crea una concorrenza sleale, intasa una piazza già affollatissima. Meglio sarebbe – scrivono gli esercenti che precisano di non essere contro i Pacian – spostare tutto in piazza San Vittore, dove ci sono più spazi e meno concorrenza.

Già l’anno scorso c’erano state proteste, con una raccolta firme e con i vigili che avevano bloccato gli stand in lamiera dei Pacian perché inestetici. La situazione, che aveva visto intervenire i due allora candidati sindaci al ballottaggio, Silvia Marchionini e Mirella Cristina, s’era risolta con una mediazione: via il box della cassa, sì al mantenimento della cucina.

Silvia Marchionini, che allora aveva imputato il disguido alla mancanza di un’Amministrazione eletta, aveva detto “se toccherà a me cercherò di far combaciare le esigenze di tutti”. Per questo due settimane fa, prima della conferenza stampa di presentazione della corsa, avvenuta in piazza, gli esercenti l’hanno fermata spiegando le nuovamente loro ragioni. La macchina organizzativa della maratona era però già in moto e nel fine settimana la convivenza è stata a tratti difficile, come conferma la lite tra un esercente e l’organizzazione per il furgone di un gruppo musicale parcheggiato nel cortile delle Beccherie a ostacolo dell’ingresso ai servizi igienici.

I titolari delle attività commerciali fanno notare che in piazza ci sono già 58 tavoli e 238 posti a sedere, per i quali loro pagano il plateatico, la tassa rifiuti, le altre imposte compreso il canone Rai (il riferimento è al maxischermo) con l’obbligo del rispetto delle norme igieniche sul trattamento degli alimenti. Per questo ritengono sleale la concorrenza dei Pacian, che sono un’associazione benefica che questi balzelli non li ha e la cui presenza – soprattutto vendendo loro bibite e bevande – fa calare gli affari.

Per come è stata strutturata da qualche anno a questa parte la Maratona della Valle Intrasca, cioè una festa in piazza con palco, stand gastronomico ed eventi collaterali, la convivenza era e resta difficile. Se da qui all’anno prossimo non si troverà una soluzione, il problema si riproporrà.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.