1

renco inaugurazione parco binda 2015
VERBANIA – 09.06.2015 – Teresa Binda era una donna che nella vita ha lottato e che la vita ha lasciato presto. Operaia, vedova in giovane età con un figlio piccolo, s’è trovata suo malgrado nel tourbillon di eventi della guerra. Arrestata, interrogata, picchiata e trucidata, ha taciuto per salvare il figlio partigiano e ha trovato la morte sulle alture dell’Ossola, a Beura. La figura della giovane sunese, che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha celebrato nel 2008 con la medaglia d’oro al valor civile, da ieri è ricordata anche nel parco giochi di Renco, ribattezzato parco “Teresa Binda”. Il cartello è stato scoperto ieri dal figlio Gianni Saffaglio, un giovanile novantenne che ha sfoggiato al petto la medaglia conferita alla mamma; dal sindaco Silvia Marchionini (nel video il suo discorso) alla presenza dell’Anpi e dei bambini delle scuole elementari di Suna – località in cui ha vissuto Teresa Binda – autori di un progetto di ricerca sulla Resistenza e proprio su mamma Teresa, per la quale hanno anche composto una poesia e che prima della cerimonia hanno presentato il frutto del lavoro di approfondimento svolto in classe. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.