1

mondadori vb lavori 178

VERBANIA – 07.12.2017 – Gli operai smontano i ponteggi

e rifiniscono l’esterno, mentre all’interno una dozzina di persone si disimpegna tra scatoloni e scaffali in cui impila libri su libri. Tanti libri, quei 22.000 che da domattina – l’orario di apertura è alle 9 – saranno il cuore del nuovo Mondadori store di Verbania. In piazza San Vittore, tra le vetrine aperte dall’impresa Lietta nella facciata del palazzo all’angolo della Contrada che dà su Palazzo Franzosini e la basilica di San Vittore, il più grande gruppo editoriale italiano ha scelto la sua casa a Verbania e nella provincia del Vco, dov’era assente. A gestirla, in franchising e sfruttando i vent’anni d’esperienza con Mondadori ad Angera, ci sono i fratelli Matteo e Veronica Fusetti. Intenti a sovrintendere agli allestimenti alla presenza di Stefano Mongiano per Mondadori – “ne avremo ancora a lungo, finiremo di notte”, racconta Matteo – nel pomeriggio hanno ricevuto la visita a sorpresa di Pierluigi Bernasconi, amministratore delegato di Mondadori Retail, manager di grande esperienza nel settore commerciale e nella grande distribuzione (è colui che ha aperto la caterna Mediaworld in Italia). “Siamo venuti in una città turistica ma che ha anche tradizioni culturali aprendo, in questo splendido posto in centro, un punto vendita di una certa dimensione – dice Bernasconi –. Quella di Verbania è una bella sfida”.

Sono circa 230, distribuiti in sale separate attorno a una sala centrale illuminata da un grande lucernario aperto sul cavedio del palazzo, i metri quadrati a disposizione, arredati secondo gli ultimi standard di design del gruppo Mondadori. “Questo negozio è più grande della media, ma è accogliente, familiare e ci dà la possibilità di curare la nostra filosofia di vendita: qualità e attenzione al cliente – spiega Fusetti –. Apriamo domani, ma l’inaugurazione vera e propria, alla quale porteremo un autore, sarà a metà gennaio, dopo le feste”.

Soddisfatto anche Mongiano, colui che poco più di un anno e mezzo fa ha raccolto l’idea di portare Mondadori a Verbania. “È nato tutto di fronte a un caffè – racconta –. Parlando di possibili aperture, Pierre Gelil mi disse che aveva il posto per noi. Lì è nato tutto: siamo andati di corsa ma siamo riusciti ad arrivare sino in fondo. Ringrazio lui e Giovanni Lietta che ci ha consegnato uno splendido negozio”.

L’operazione immobiliare è anche un momento di riqualificazione di quel palazzo e di piazza San Vittore. L’edificio che da sempre aveva una facciata cieca messa in risalto, una decina d’anni fa, dalla demolizione di un altro immobile contiguo e dallo spostamento della storica edicola della piazza, ha avuto un iter travagliato incassando in passato i “no” della Commissione locale del paesaggio. L’ultimo progetto ha finalmente ottenuto il via libera, permettendo di alzare lo stabile nell’angolo sudoccidentale con una torretta, aprendo finestre e balconi sulla piazza. Per la facciata l’impresa ha scelto, tra le vetrine del piano terra, una copertura in spesse lastre di pietra di luserna. 

Nella foto sotto, da sinistra: Mongiano, Fusetti e Bernasconi.

mondadori vb lavori 176

mondadori_vb_lavori_176.jpgmondadori_vb_lavori_173.jpgmondadori_vb_lavori_179.jpgmondadori_vb_lavori_178.jpgmondadori_vb_lavori_175.jpgmondadori_vb_lavori_172.jpgmondadori_vb_lavori_174.jpgmondadori_vb_lavori_177.jpgmondadori_vb_lavori_171.jpg

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.