1

nastro rosso aids
VERBANIA – 01.12.2015 – L’Aids non è ancora sconfitto

e, anzi, continua a contagiare. Gli anni dell’allarme sociale diffuso, delle ripetute campagne informative, della paura del contagio e della quasi totale mancanza di terapie, sono lontani. Eppure ci si continua a ammalare. Oggi in tutto il pianeta ricorre la Giornata mondiale della lotta all’Aids, il cui simbolo è il classico fiocco rosso. In occasione della ricorrenza l’Asl Vco e l’associazione Contorno viola hanno diffuso i dati della malattia. Dal 1 gennaio 2015 a oggi in provincia si sono registrati 6 nuovi contagi: 4 maschi e 2 femmine, che hanno un’età media intorno ai 39 anni. 5 hanno contratto il virus tramite rapporti sessuali (1 eterosessuale, 4 omo-bisessuali), 1 per via venosa in un ambiente di tossicodipendenza. 3 di loro sono stati identificati come pazienti di Aids e 5 sono sottoposti a terapia antiretrovirale. Con loro il numero di pazienti seguiti dall’ambulatorio del “Castelli” sale a 243, di cui 233 in terapia antiretrovirale.

I numeri in sé sono asettici, ma renderli noti ha lo scopo di accendere nuovamente, per un giorno – il giorno del fiocco rosso – l’attenzione su una malattia per la quale l’attenzione e la percezione di pericolosità è diminuita. Eppure in Italia, oltre alle 94.000 persone dichiaratamente affette da Hiv, l’Istituto superiore di sanità stima che ce ne siano circa altre 50.000 inconsapevoli. La cura passa dalla prevenzione e dai controlli. Per questo Asl e Contorno viola ricordano che nell’ambulatorio di Malattie infettive di Verbania è possibile sottoporsi a un test gratuito dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 10.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.