1

commercio
CANNOBIO – 22.03.2015 – In gergo tecnico si chiamano negozi di vicinato, nel parlato di tutti i giorni sono le vecchie botteghe. Vendono alimentari di vario genere e spesso tengono di tutto un po’. Sono anacronistiche, pensionate da super e ipermercati, soppiantate da internet e dai negozi ultraspecialistici. Eppure resistono, soprattutto in quelle realtà periferiche dove la scarsa densità demografiche le pone teoricamente fuori mercato. Anche a Cannobio resistono e per questo il Comune ha messo a bilancio una somma di denaro per mantenerle e incoraggiarne l’apertura.

La giunta Albertella ha infatti dato il via libera a un bando che, rivolto esclusivamente a chi gestisce – o vuole aprire – un negozio di vicinato per “generi alimentari di prima necessità” nelle frazioni cannobiesi, si impegni a tenerlo aperto per tutto l’anno, senza interruzioni.

La cifra non è certo così incisiva da far accorrere frotte di esercenti, però è un segnale dato alla categoria e ai cittadini. A bilancio sono stati stanziati duemila euro che verranno suddivisi tra chi presenterà domanda e avrà diritto. Per gli esercizi in attività il contributo verrà pagato entro ottobre 2015. Per le nuove aperture entro un mese dal giorno in cui sarà stata alzata la serranda.

Le domande vanno presentate in Comune entro il 31 maggio.   

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.