1

App Store Play Store Huawei Store

tribunale aula a vuota

VERBANIA - 05-01-2021 -- Aveva lasciato quell’appartamento da qualche mese ma, a casa, le erano arrivati i contratti delle utenze e le bollette di luce e gas da pagare senza che avesse mai stipulato il contratto. Il motivo lo scoprì qualche tempo dopo, in seguito alla presentazione di una denuncia. Emerse, infatti, che qualcun altro aveva attivato le nuove utenze a nome suo, utilizzando le fotocopie dei documenti che la donna aveva consegnato agli inquilini subentrati con lo scopo -poiché aveva fretta di affittare loro l’appartamento rimasto vuoto- di accelerare le pratiche. Venne acquisita la registrazione telefonica del contratto, che riportava una voce femminile. Era la sorella del nuovo inquilino, con lui convivente. Per questi fatti, per la sostituzione di persona e per la tentata truffa, la donna è stata condannata dal Tribunale di Verbania a 3 mesi e 300 euro di multa (con i doppi benefici: sospensione condizionale della pena e non menzione) e a 1.000 euro di risarcimento.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.