1

tribunale aula b vuota dye

VERBANIA - 20-11-2020 -- Sei mesi di carcere

per quattro latte d’olio rubate al supermercato. Fu un furto maldestro quello che un quarantenne d’origine albanese residente a Verbania -volto noto alla giustizia, attualmente in carcere per scontare un cumulo di pene dovute a condanne per episodi simili- mise a segno nel marzo del 2019 al supermercato Bennet. Entrato nel punto vendita di Sant’Anna, prelevò dallo scaffale quattro latte da cinque litri l’una di olio per motore che infilò in una sporta dell’Esselunga che s’era portato appresso, uscendo poi dalle casse -non senza fatica, dato il peso della refurtiva- facendo finta di nulla. La scena avvenne sotto gli occhi di un addetto del supermercato, che lo seguì all’esterno, perdendolo di vista per qualche istante e scorgendolo poco lontano dal luogo in cui aveva abbandonato il sacchetto con l’olio, merce dal valore di 139 euro. Lo intercettò e lo fermò. Questi negò d’aver portato fuori dal punto vendita quel sacchetto, ma la testimonianza dell’addetto e i filmati della videosorveglianza lo smentirono inequivocabilmente. Denunciato per furto, è stato processato con rito abbreviato dal Tribunale di Verbania, che l’ha condannato a 6 mesi e 200 euro di multa (il pm Maria Portalupi ne aveva chiesti 8 e 240 euro) che, se la pena dovesse diventare definitiva, sconterà per intero non potendo più contare -dati i precedenti- sulla sospensione condizionale.

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.