1

tribunale 17

VERBANIA - 15-09-2020 -- Non solo non ha mai pagato

il conto all’avvocato ma, pur di non saldare il suo debito, ha venduto l’auto che gli stava per essere pignorata. Cinque mesi e 450 euro di multa è la condanna stabilita dal Tribunale di Verbania nei confronti di un ossolano ritenuto responsabile di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. La controversia inizia nel 2017 quando, al termine di alcune cause svolte per conto del cliente, il professionista gli sollecitò il saldo delle spettanze, pari a circa 8.000 euro. Non ricevendo risposta, il legale ottenne un decreto ingiuntivo e partì con un’azione di pignoramento nei confronti dell’unico bene che il suo ex cliente possedeva: una vettura Audi. Quando, però, l’ufficiale giudiziario si recò al domicilio per la notifica, non trovò il mezzo. un’indagine al Pra rivelò che, nel frattempo, il proprietario l’aveva venduta all’estero, in Bulgaria. Da qui la denuncia che ha portato l’uomo a processo. È stato condannato a 6 mesi e 500 euro di multa, oltre al pagamento di una provvisionale di 1.000 euro al professionista (oltre alle ulteriori spese legali), subordinata alla concessione della sospensione condizionale. Il conto sale così a più di 10.000 euro. Per l’avvocato-creditore resta il problema di come, pur in presenza di un’altra sentenza, possa recuperarli.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.