1

maggia1

STRESA - 27-06-2020 -- Immobilismo, ostruzionismo politico,

paura del voto. Così i Giovani democratici, il movimento giovanile del Pd, accoglie la decisione-non decisione del comune di Stresa di non approvare il nuovo progetto dell’istituto alberghiero Maggia concordato con la Provincia. Ed è verso questi due enti che si indirizzano le critiche dei dem: “Continuano a dimostrare che non c’è nessuna volontà di mettere la parola ‘fine’ al travaglio degli studenti e della Scuola di Stresa che, da oltre 20 anni, è dislocata in quattro plessi”.

“Il Comune, con i suoi consiglieri, che sono in campagna elettorale, ha deciso di non decidere per l’ennesima volta – sostengono - e queste azioni, se possiamo chiamarle tali, non fanno altro che danneggiare la scuola e tutti coloro che ne fanno parte. Paura del voto? Forse spiegherebbe questo ostruzionismo politico”. “Il centro-destra in Provincia continua la sua stagione del letargo, il consigliere delegato Giandomenico Albertella dovrebbe rispondere delle sue azioni nelle sedi opportune al posto di fare polemiche sterili: una scuola è più importante dei gerani sul lungolago, si ricordi che ha un ruolo che non è scritto solo su carta, altrimenti si dimetta”.

Oltre alle critiche, la proposta è di dare il via libera immediata ai lavori “per il rifacimento dei due plessi” e di “nominare un Commissario Straordinario, quando vi sarete decisi, che possa dirigere i lavori, onde evitare ulteriori slittamenti, che vanno solo a discapito degli studenti e dei docenti”.

 

 


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.