1

isole

TORINO - 08-04-2020 -- Liquidità e strategia.

Sono questi i pilastri sui quali il turismo piemontese intende costruire -e chiede sostegno- il proprio rilancio. Lunedì in Regione i rappresentanti delle Atl piemontesi (compreso il Distretto turistico dei laghi) sono stati ascoltati dai membri della III e della VI commissione consiliare e hanno illustrato il desolante resoconto che giunge dalle imprese turistiche suggerendo la propria ricetta.

La situazione è critica, soprattutto nel breve termine, per una questione di liquidità. La stagione non è iniziata e le imprese turistiche non incassano quel denaro che serve per tenere fede agli impegni economici assunti. Da questo punto di vista la richiesta è quella di avere denaro e garanzie per poter restare in vita e per pensare al dopo. Nella seconda fase, quando si potrà ripartire, sarà indispensabile avere idee e progetti pronti. A livello internazionale gli esperti del settore stimano che il mercato si contrarrà, causa pandemia, del 70% (alcuni analisti privati immaginano uno scenario più grave: -90%). Le previsioni sono variabili, legate in primo luogo alla durata dell’epidemia, in Italia e all’estero, e alle misure di contenimento in vigore. A oggi il turismo è vietato per legge ma, quando non lo sarà più, quanti clienti potranno essere accolti? Da dove arriveranno? Quali saranno le loro richieste? Quanta disponibilità di spesa avranno?

Si immagina un futuro in cui il turismo muterà profondamente e solo la risposta alle ultime domande chiarirà come. Gli operatori turistici credono che non si debba arrivare impreparati alla riapertura e, in concreto, chiedono: a) un monitoraggio quotidiano estero per capire quali Stati usciranno prima dal lockdown per poter entrare subito in quei mercati, b) un piano di marketing e comunicazione di qualità che riaccrediti nel più breve tempo possibile il Piemonte come meta turistica.


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.