1

sciopero

VERBANIA – 02.12.2019 – No alla riforma

della prescrizione: le toghe (re)incrociano le braccia. È iniziata oggi e proseguirà sino a venerdì l’astensione degli avvocati penalisti. Cinque giorni di sciopero, un “pacchetto” che segue altri analoghi già attuati nel 2019, è la risposta che l’Unione delle Camere penali dà al governo, al quale viene chiesto di rivedere la riforma del Guardasigilli Alfonso Bonafede sulla prescrizione. Il ministro pentastellato è il firmatario del provvedimento che, in vigore dal 1° gennaio 2020, bloccherà all’esito -assoluzione o condanna che sia- i termini di prescrizione del reato. Nelle intenzioni dell’esecutivo si tratta di una misura che va a favore del cittadino e che impedisce che alcuni reati diventino improcedibili per i tempi lumaca della giustizia. Per gli avvocati è il contrario: si dilatano i tempi delle Corti d’Appello e della Cassazione lasciando in un limbo gli imputati, che per avere un responso rischiano di aspettare anni.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.