1

polizia auto fronte cofano

MEINA - 09.11.2019 - In fuga a tutta velocità

in autostrada, eludendo i carabinieri e seminando la Polstrada. Sono sfuggiti all'arresto i malviventi che giovedì sera hanno ripulito una villa del Vergante e che, mentre s'apprestavano a dileguarsi dopo aver arraffato 3.000 euro in contanti e gioielli e orologi per 30.000, sono stati scoperti in flagranza.

Attorno alle 20, a Ghevio di Meina, un parente della padrona di casa -in quel momento assente- e un suo dipendente hanno scorto nelle vicinanze della villetta, contigua all'azienda di famiglia (conosciuta attività del settore logistica-autotrasporti), movimenti sospetti di persone. Sono intervenuti trovandosi di fronte a due uomini a volto coperto, che stavano cercando di fuggire. Uno di loro è stato bloccato, ma è riuscito a divincolarsi e a minacciare con una spranga gli intervenuti. È così che sono riusciti a dirigersi vero l'Alfa Romeo Stelvio che li attendeva, a bordo della quale hanno imboccato l'A26 in direzione sud, facendo poi perdere le loro tracce, sia ai carabinieri di Gattico, sia alle pattuglie inviate dalla Polstrada di Romagnano.
Il successivo sopralluogo ha svelato il perpetrato furto in villa. I ladri hanno forzato le aperture, si sono introdotti nell'abitazione, hanno rovistato negli armadi portando via gli oggetti di valore e il denaro. Su questo episodio, un furto diventato rapina nel momento in cui i malviventi, con violenza e la minaccia, sono fuggiti, indaga la Procura di Verbania.
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.