1

carcere vb

VERBANIA – 04.10.2019 – Hanno sempre respinto

ogni addebito e la versione fornita da chi aveva sporto la denuncia non è stata confermata. Si sono aperte lunedì le porte del carcere di Pallanza per i due uomini arrestati la scorsa settimana dai carabinieri con l'accusa di tentata rapina. Un sessantenne verbanese aveva riferito che, in una notte di fine agosto, camminava in una via del centro storico pallanzese quando s'era imbattuto in due persone che avevano tentato di sottrargli con la forza il borsello. Le indagini avevano portato a individuare un 30enne e un 49enne residenti nel Verbano. Nei loro confronti, su richiesta della Procura, il gip aveva emesso due ordinanze di custodia cautelare in carcere che lunedì ha revocato. Già dagli interrogatori di garanzia la versione degli accusati, opposta alla tesi degli inquirenti, era stata ferma: gli amici volevano salire in un appartamento a far visita a due amiche e il sessantenne s'era frapposto tra loro e il portone per impedirglielo, fino a quando c'era stata una discussione e una pizzola zuffa. Anche il denunciante, nuovamente ascoltato, ha corretto il tiro, facendo cadere i motivi per cui era stato disposto l'arresto. Dopo una settimana nella casa circondariale i due sono tornati in libertà. Attendono che si accerti la verità e non è escluso che si possa poi procedere per calunnia.

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.