1

foto 2

VERBANIA - 16.04.2019 - Il capo della Polizia, prefetto Franco Gabrielli, ha concluso a Verbania il suo giro di visite agli uffici e ai reparti della Polizia di Stato presenti sul territorio nazionale. Giro cominciato con la sua nomina a capo della Polizia, nel 2016 e volto ad incontrare personalmente gli operatori nelle specifiche realtà locali.

A quanto riferiscono dalla questura, Gabrielli è stato accolto in corso Nazioni Unite dal questore Salvatore Campagnolo, dai funzionari e dal presidente delle sezioni provinciali dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato di Verbania e Domodossola. Ha quindi incontrato rappresentanze del personale della Polizia e dell’amministrazione civile dell’Interno in servizio alla questura di Verbania e ai commissariati di Omegna e Domodossola, nonché delegazioni delle Organizzazioni Sindacali e dell’A.N.P.S..
Ha introdotto l’incontro il questore che, dopo aver ringraziato il prefetto Gabrielli per la visita e per l’attenzione rivolta alla Polizia verbanese, ha tracciato un breve quadro della situazione generale del capoluogo e della provincia. Gabrielli ha espresso parole di gratitudine ed apprezzamento per l'impegno profuso dagli uomini e dalle donne della Polizia, facendo leva sull’orgoglio e sul senso di appartenenza che deve quotidianamente animare ogni poliziotto nell’espletamento dei molteplici e delicati compiti istituzionali.
Ha quindi illustrato gli aspetti connessi al recente riordino delle carriere, alla rielaborazione degli organici, alle previste nuove assunzioni ed ai futuri assetti organizzativi dell’amministrazione della Pubblica Sicurezza e delle Questure, in funzione di una sempre maggiore esigenza di modernizzazione della Polizia di Stato.

FOTO 1

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.